La Situazione Precipita

Si accinse ad attraversare la strada, attese il verde del semaforo. Uno stridore improvviso, il motore ruggente di una macchina, la sua impennante ripresa, lo sgommare delle gomme sul grigio asfalto, Robert si girò appena in tempo per vedere la nera macchina piombare in velocità verso la sua direzione. Si gettò indietro, sui suoi passi, la macchina sterzò verso la sua figura.
Dei passanti si misero a urlare. La macchina lo urtò, ma di striscio. Cadde a terra, si rialzò immediatamente. Qualche passante urlò spaventato, lui lo era più di tutte quelle persone. Prese a correre, non sapeva nemmeno per quale direzione. Nuovamente si sentì il ruggito dell’auto.  Le gomme presero a sgommare e a inseguirlo. Volò via il suo cappello mentre, tra la folla, cercava di farsi spazio.
Si guardò indietro, sembravano esserci due figure dentro quella macchina. Riprese a correre sul marciapiede, la macchina correva parallelamente a lui sull’asfalto della strada.
 la situazione precita

Robert si girò nuovamente, gli parve di vedere un uomo robusto scendere da quell’auto e gettarsi al suo inseguimento. Entrò in un negozio, lo conosceva, uscì dal retro. Era ansimante e spaventato. Sulla retrostante via entrò in un altro negozio, nuovamente uscì dal retro. Percorse qualche centinaio di metri e si infilò in un bar «Scusi, c’è una toilette?» domandò. «Sì, in fondo alla sala a destra. » Vi si recò, lì si chiuse e iniziò a pregare. D’un tratto sentì la porta della toilette aprirsi, subito pensò che non doveva farsi vedere. Pose i piedi sul wc e si accovacciò, in silenzio, non voleva tradire la sua presenza. Sentì un uomo entrare nel bagno a fianco al suo, lo sentì urinare, rivestirsi e uscire dalla toilette. Robert avvertì lo scorrere dell’acqua, “Bene”, pensò, senz’altro è soltanto un cliente del locale. Udì i passi di quella persona allontanarsi. Un uomo dalla corpo- ratura robusta, capelli brizzolati e con indosso un completo grigio scuro, correva per Redesdale St.. Giunse, l’uomo, ansimante all’incrocio con Flood St.; il suo sguardo scorreva veloce lungo le strade. Si fermò a riprender fiato, poi, nuovamente, percorse vie traverse. Una berlina nera stava lentamente percorrendo Shawfield St., l’uomo alla guida stava imprecando e gesticolando. Uno dei due chiamò l’altro per radio. Si ritrovarono dinnanzi al St. Leonard’s Terrace. L’uomo, robusto e brizzolato, salì a sua volta in macchina. I due perlustrarono la zona, ma del loro uomo non trovarono ombra. La macchina sgommò e sparì dall’orizzonte.